15976949_1362125207194417_438864801498581707_n

I piani cottura a gas guadagnano in efficienza e funzionalità

Belli, sicuri e anche, finalmente, molto efficienti. Sono i nuovi piani di cottura a gas che hanno prestazioni decisamente professionali, anche quelli meno costosi. Il successo delle trasmissioni televisive di cucina ha infatti stimolato la ricerca diretta a offrire strumenti con una varietà di cotture quasi pari a quelle di cui dispone lo chef del ristorante più attrezzato. A partire per esempio dai piani misti, con induzione e gas in pochissimo spazio senza dover acquistare più apparecchi sino alla possibilità di disporre della cottura a bagnomaria, delle piastre speciali che non fanno fumo, del coup de feu per ricette scenografiche…
Il successo dell’induzione ha stimolato la ricerca di bruciatori a gas sofisticati con microregolazioni sino a 9-10 livelli per garantire cotture delicatissime e senza bruciature. Grazie, per esempio, a un brevetto di Hotpoint i bruciatori a fiamma verticale sono sottilissimi, consumano meno, sono più veloci e danno un calore particolarmente omogeneo che, per il gas, era impossibile da raggiungere.

Design al giusto prezzo
Design e tecnologia sono accessibili a prezzi decisamente “ragionevoli”: il piano a 4-5 fuochi tradizionale ha un prezzo oscillante intorno a 200-350 euro che sale quando ci sono bruciatori a due e tre corone e quando al posto della smalto, il piano è di cristallo temperato o inox. Quelli che superano i 500 euro, di solito, hanno, sicurezze, tecnologie e design molto particolari e più di 5 fuochi.

Più sicurezza
Tutti i bruciatori a gas da diversi anni, grazie alle normative europee, interrompono l’afflusso del gas se la fiamma si spegne incidentalmente ma molti e gravi incidenti, con esplosioni, danni ingenti e vittime, derivano da un altro pericolo: la distrazione, che fa dimenticare la pentola sul fuoco, sino a quando si arroventa e brucia. Finalmente è disponibile un piano di cottura di Italora che consente di programmare la fine della cottura in modo che non ci sia pericolo anche se si dimentica di chiudere il bruciatore. Importante anche la presenza del blocco di sicurezza dei comandi che impedisce ai bambini qualsiasi intervento.
I piani di Bosch, Siemens, Gaggenau e Neff hanno un dispositivo che se la fiamma si spegne, la riaccende subito per evitare ogni fuoriuscita del gas. Dopo una cottura prolungata il piano e il bruciatore rimangono molto caldi e quindi un indicatore del livello di temperatura residua può evitare scottature come accade per i piani di Neff e di Hotpoint Ariston.

La fiamma piattissima
La fiamma verticale, anziché orizzontale come quella tradizionale, si basa su un bruciatore in un unico pezzo, ultrapiatto, con 420 microfori regolari che propagano il calore in modo uniforme, danno una superficie più ampia di cottura, tempi più rapidi e un’economia di tempo e di gas. Questa fiamma consente anche una microregolazione che rimane costante per fare quelle ricette che prima richiedevano continui aggiustamenti e interventi. La piastra coup de feu di Officine Gullo, di ghisa a forte spessore, compatta, in modo da essere installata tra i fuochi, concentra diverse cotture; a fuoco vivo alzando la piccola piastra centrale per bolliture rapide, e le piccole zone che man mano si allontanano dal centro offrono temperature calanti delicate così da cuocere simultaneamente sullo stesso bruciatore l’acqua della pasta e poco lontano il ragù, a cottura lentissima. Le corone doppie e triple dei grandi bruciatori, adatti non solo al wok, possono funzionare anche separatamente.

Poco o tanto spazio?
Una scelta così ampia e variata con centinaia e centinaia di forme, colori, materiali e dotazioni può confondere le idee al momento della scelta. Per chi vive solo o per la coppia con bambino, per i piccoli spazi il piano a 4-5 fuochi che misura 60 cm (esistono anche quelli da 45 cm) è disponibile con un bruciatore a due corone per far bollire velocemente l’acqua della pasta. Per chi ama esibirsi in ricette originali e complicate una ottimale soluzione: i piani ibridi, con i bruciatori a gas e zone di cottura a induzione con larghezze contenute, non oltre 70, 75 cm. Per chi deve realmente fare i calcoli con i centimetri ecco i piani in linea con 3-4 fuochi, facili da manovrare e controllare, che lasciano prezioso spazio sul retro. Nella gallery correlata sono inserite soluzioni molto diversificate proprio per consentire a chi ama la cucina creativa, per chi riceve spesso, per chi ha molto o poco spazio, di disporre comunque di strumenti di cottura molto flessibili, su misura.

 

SEGUICI:

Facebook: https://www.facebook.com/GruppoCapital/

Twitter: https://twitter.com/GruppoCapital

Sito web: http://www.gruppocapital.it

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>