Cos’è il rogito?

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Cos’è il rogito? E’ un passo determinante quando si fa un atto di compravendita di una casa in quanto rende effettivo il passaggio di proprietà. Di fatto è un atto pubblico che viene redatto (ovvero rogato) da un notaio, quale garante legale di fatti e dichiarazioni avvenuti in sua presenza. Per tale motivo viene definito anche rogito notarile.

Compromesso e rogito, quale è la differenza?

Hai trovato la casa dei tuoi sogni? Per fermarla devi dare un anticipo e firmare un contratto preliminare di compravendita tra le parti: il compromesso. Questo contiene i dati dell’immobile, quelli del venditore, dell’acquirente ed il prezzo stabilito. Se ti sei rivolto ad un’agenzia immobiliare, il mediatore può aiutare in tale passaggio e tutelarti.

Il rogito -o rogito notarile– è invece un passaggio successivo, quello che rende effettivamente tuo l’immobile. Si fa da un notaio, figura professionale garante legale dell’atto, che ha il compito di verificare che l’immobile sia vendibile, ossia di effettiva e totale proprietà del venditore, nonché in regola con le normative edilizie e catastali.  Effettuati tali controlli  il notaio redige il testo del contratto di compravendita -che per l’appunto viene chiamato rogito- contenente gli estremi delle parti e quelli riguardanti l’immobile, comprese le planimetrie catastali. Il documento viene letto e spiegato alle parti e poi da queste firmato sempre in presenza del notaio.

In tale contesto si procede al saldo (o all’impegno del mutuo) e alla consegna delle chiavi: la casa a quel punto è tua!
Spetta al notaio la trascrizione della compravendita presso la Conservatoria di competenza entro 20 giorni dalla firma del rogito.

 

Rogito casa, quali informazoni contiene?

Il rogito per la casa deve contenere tutti i dati della compravendita:

  • La data dell’atto e gli estremi del notaio redattore
  • Il valore di cessione dell’immobile e le modalità di pagamento
  • I dati del venditore e dell’acquirente (nome, cognome, luogo e data di nascita, domicilio/ residenza e/o degli eventuali rappresentanti legali e testimoni
  • Gli estremi eventuali del mediatore che ha seguito la compravendita e le spese correlate
  • I dati catastali dell’immobile oggetto della vendita;

 

Rogito casa, il costo

Le spese notarili sono a carico di chi compra la casa. Per tale motivo è l’acquirente a scegliere il proprio notaio di fiducia. Spesso le agenzie immobiliari possono suggerirne uno di riferimento. Il notaio è un libero professionista ed ha un suo onorario a cui vanno aggiunte le imposte dovute allo Stato. Le spese sono proporzionali al valore / prezzo dell’immobile indicato nel rogito, ma cambiano anche a seconda del tipo di compravendita: se è prima casa o seconda, se l’immobile è acquistato da un privato o da un costruttore o se è ad uso abitativo o commerciale.

Rogito mutuo, cos’è?

Se per acquistare una casa devi fare un mutuo, dovrai firmare un altro atto, ovvero un nuovo contratto, sempre in presenza del notaio. Il mutuo – va sottolineato- ti potrà essere concesso praticamente solo in seguito all’atto di compravendita, quando cioè diventi effettivamente proprietario dell’immobile e non prima.

Share.

Leave A Reply