Cromoterapia per la casa, quali colori scegliere e perché? Arredare un immobile significa inserirci dentro elementi che siano di un gusto ed uno stile proprio, confortevoli, pratici, ma che diano anche una sensazione di accoglienza e benessere quando si rientra in casa dopo una giornata di lavoro o quando la si vive in momenti di relax. Con la cromoteria questi effetti possono essere migliorati. Di cosa si tratta? Quali colori scegliere? Vediamolo insieme.

 

Cos’è la cromoterapia

Come si evince dal termine, si tratta di una “terapia che impiega i colori“. Di fatto è impiegata come medicina alternativa per combattere alcuni disturbi psichici o emotivi, basandosi sulla convinzione che determinate tinte possano avere un’influenza sul corpo e la mente di un individuo. Non ci sono prove scientifiche a confermarlo, ma l’esperienza empirica ci dimostra che in ambienti di determinati colori ci si può trovare più o meno a proprio agio. In tal senso, a prescindere da patologie o disturbi di vario genere è possibile impiegare la cromoterapia anche per arredare una casa.

Cosa bisogna tener presente per scegliere i colori di una casa

I colori vanno scelti in base all’ambiente che una determinata persona vive e sono quindi soggettivi. Tuttavia prima di optare per una determinata tinta occorre tener presente anche gli effetti ottici generali che questa può dare: ad esempio in uno spazio piccolo è meglio puntare su un colore chiaro in quanto dona maggiore luminosità e senso di ampiezza. Esistono di ogni tinta numerose sfumature che possono essere sfruttate, tanto sulle pareti quanto nel mobilio e negli accessori d’arredo. Per le pareti ed i soffitti in particolare si può “giocare” con vernici, parati e rivestimenti di vario tipo, mentre con i tendaggi (ma pure con tappeti, divani, copridivani, cuscini o quadri) si può creare un effetto di contrasto tanto quanto uno di continuità con sfumature, a seconda dei gusti. Anche con le luci si possono creare effetti di colore particolari, da accendere magari all’occorrenza.

Cromoterapia casa, quali colori?

Benché gli effetti dei colori su una singola persona siano da considerarsi soggettivi, è possibile avere un’idea di massima di come agiscono in generale.

  • Rosso
    E’ a forte impatto, specie se acceso, rosso vivo. Solitamente ha un effetto correlato alla passione. In senso positivo può ad esempio esssere perfetto nella camera da letto di una coppia di sposini. Attenzione però alla sua accezione negativa che stimola rabbia, violenza.
  • Giallo
    E’ come il sole, dona energia ed allegria. Può essere ideale nella camera dei bambini o in una cucina.
  • Azzurro
    Rappresenta i grandi spazi, l’aria aperta, il cielo. Nelle sue varie sfumature può essere anche rilassante e stimolare la concentrazione, ma se tendente al blu (troppo scuro) può apportare una sensazione di freddo e distacco. Dipende dai gusti personali.
  • Verde
    E’ sinonimo di vitalità, freschezza e simpatia. E’ raro comunque vederlo in una casa, anche se a livello di cromoterapia ha un potere calmante e rassicurante. Si ritiene anche che abbia un effetto positivo contro la percezione dei cattivi odori (da impiegare nel bagno?). Attenzione però anche alla sensibilità degli ospiti: il verde in negativo può trasmettere sensazioni di invidia.
  • Rosa
    E’ il colore correlato alla femminilità, quindi induce una sensazione di delicatezza, ma anche di ingenua giovinezza (non a caso domina anche le camerette delle bambine).
  • Nero
    E’ sinonimo di buio e quindi di paura, ma a seconda degli stati d’animo può stimolare anche fascino, eleganza e potere. Più impiegato nei complemeti d’arredo.
  • Grigio
    E’ il top dei trend in questo momento, specie negli stili di arredamento moderno o industrial, nelle sue varie sfumature applicate ad altrettanti materiali. E’ correlato a sensazioni di intelligenza, ma anche di precisione e pulizia. Attenzione a non eccedere perché può ricordare anche la nebbia o le giornate di pioggia, con conseguente stimolo alla tristezza.
  • Bianco
    Simbolo di purezza, luce, ordine e pulizia. Una casa in cui domina il bianco genera anche una sensazione di rilassatezza. In alcune persone, specie se correlato ad ambienti molto grandi può comunque risultare troppo monotono o creare un effetto di distacco.
  • Marrone
    Domina nei mobili nelle sue varie sfumature. Eì il colore del legno e quello della terra, sinonimi di forze della natura e di calore, per questo dona un senso di accoglienza e di stabilità.

In caso di dubbi è sempre utile rivolgersi ad un professionista del settore, specie se si stanno facendo lavori di ristrutturazione volendo dare alla propria dimora un aspetto nuovo e personale.